Aloperidolo

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

SPECIALITÀ[modifica]

ALOPERIDOLO:

  • Haldol GOCCE 15ML 2MG/ML, GOCCE 15ML 10MG/ML, INTRAMUSCOLO 5 FIALE 1ML 5MG/ML, 30 COMPRESSE 1MG, 30 COMPRESSE 5MG monografia
  • Serenase GOCCE 30ML 2MG/ML, GOCCE 30ML 10MG/ML, INTRAMUSCOLO 5 FIALE 2MG/2ML, 20 COMPRESSE 1MG, 20 COMPRESSE 5MG monografia

ALOPERIDOLO DECANOATO:

STRUTTURA[modifica]

Aloperidolo.jpg

MECCANISMO D’AZIONE[modifica]

L’aloperidolo è un antipsicotico tipico (neurolettico) appartenente al gruppo dei butirrofenoni. L’aloperidolo è un potente antidopaminergico D2. Il farmaco ha anche una scarsa attività antagonista verso i recettori α1-adrenergici ed antistaminici (modesto effetto sedativo ed ipotensivante) ed un modesto effetto anticolinergico

Si ritiene che l’effetto del farmaco sui sintomi positivi chiamati anche episodi maniacali, caratterizzati da aggressività e agitazione, delirio e allucinazioni, sia legato all’antagonismo dopaminergico nella via mesolimbica.

L'antagonismo dei recettori dopaminergici nelle altre vie dopaminergiche è all'origine degli effetti collaterali; nella Via nigro-striatale, l’antagonismo della dopamina è responsabile dei sintomi Extra-Piramidali (distonia, acatisia e parkinsonismo), mentre nella Via tubero-infundibolare, la dopamina inibisce il rilascio di prolattina e l'aloperidolo antagonizzando la dopamina potrebbe causare una iperprolattinemia (aumento del rilascio della prolattina da parte dell’adenoipofisi), che si manifesta clinicamente con galattorrea, ginecomastia e disturbi sessuali.

INDICAZIONI[modifica]

Trattamento della schizofrenia. delirio e le allucinazioni

CONTROINDICAZIONI[modifica]

POSOLOGIA[modifica]

  • Via orale: 1-15 mg/die
  • Iniezione a rilascio immediato: 1-5 mg/die
  • Iniezione a rilascio prolungato (Decanoas) e' da somministrare ogni 2-4 settimane

AVVERTENZE[modifica]

INTERAZIONI[modifica]

  • L’associazione con i barbiturici ne riduce l’attività.
  • Potenzia gli effetti dei triciclici

EFFETTI COLLATERALI[modifica]

  • Sintomi extrapiramidali, parkinsonismo, discinesia tardiva
  • Acatisia(sindrome psicomotoria che si manifesta con l'impossibilità di stare fermi, parestesia, irrequietezza, ansietà e agitazione)
  • Sedazione
  • Aumento ponderale
  • Galatorrea
  • Secchezza delle fauci, stipsi
  • ritenzione urinaria
  • Ipotensione, tachicardia

LINK CORRELATI[modifica]