Tiamfenicolo

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Clicca su "►" per espandere:

SPECIALITÀ

TIAMFENICOLO GLICINATO ACETILCISTEINATO

  • Fluimucil antibiotico Adulti 500 mg/4 ml, polvere e solvente per soluzione iniettabile, per nebulizzatore e per instillazione endotracheobronchiale monografia
  • Fluimucil antibiotico Bambini 250 mg/2 ml, polvere e solvente per soluzione iniettabile, per nebulizzatore e per instillazione endotracheobronchiale monografia


TIAMFENICOLO GLICINATO CLORIDRATO

  • Glitisol 500 mg liofilizzato e solvente per soluzione iniettabile, per instillazione endotracheobronchiale, per nebulizzatore monografia

STRUTTURA

Tiamfenicolo.jpg

il gruppo p-nitrofenilico del cloramfenicolo è sostituito con un gruppo p-metilsulfofenilico nel tiamfenicolo.

Questa modificazione nella struttura ha permesso di superare l'effetto collaterale piu importante del cloramfenicolo che e' l'anemia aplastica.

MECCANISMO D’AZIONE

Il Tiamfenicolo agisce inibendo la sintesi proteica nei batteri, tale inibizione è correlata alla formazione di un legame irreversibile con l’enzima peptidiltransferasi a livello della subunità 50S del ribosoma batterico 70S con interruzione dell’allungamento della catena peptidica in formazione e conseguente azione batteriostatica.

Il Tiamfenicolo è meno lipofilo rispetto al cloramfenicolo e quindi e' meno distribuito nell’organismo

Il FLUIMUCIL ANTIBIOTICO è un associazione di acetilcisteina + tiamfenicolo quindi, oltre all'azione antibatterica del Tiamfenicolo, è dotato di azione fluidificante sulle secrezioni mucose grazie all'Acetilcisteina.

INDICAZIONI

  • FLUIMUCIL ANTIBIOTICO: è indicato nelle infezioni broncopolmonari da germi sensibili al tiamfenicolo, nelle quali la presenza di muco denso complica o rallenta l'evoluzione clinica.

CONTROINDICAZIONI

  • Ipersensibilità al tiamfenicolo
  • Depressione midollare preesistente
  • Anuria

POSOLOGIA

FLUIMUCIL ANTIBIOTICO può essere somministrato sia per via intramuscolare che per via aerosolica:

  • Via Aerosol: Nebulizzare metà flaconcino per seduta, effettuando 1-2 sedute giornaliere. Negli adulti si utilizza il "Fluimucil antibiotico 500 mg/4 ml" e nei bambini il "Fluimucil antibiotico 250 mg/2 ml".


  • Via intramuscolare:
    • Nell'adulto la posologia media è di 1 flaconcino di “Fluimucil antibiotico 500 mg/4 ml", ripetuto 2-3 volte al giorno a intervalli regolari.
    • Nei bambini si usa il "Fluimucil antibiotico 250 mg/2 ml"; le posologie medie raccomandate sono le seguenti:
      • sino a 2 anni: mezzo flaconcino 2 volte al giorno.
      • da 3 a 6 anni: 1 flaconcino 2 volte al giorno.
      • da 7 a 12 anni: 1 flaconcino 3 volte al giorno.

Tali dosi possono essere aumentate fino al doppio, a giudizio del Medico, durante la terapia d'attacco (primi 2-3 giorni) in casi particolarmente gravi. L'aumento di dose è sconsigliato nei neonati e nei prematuri e nelle persone di oltre 65 anni. Non superare i dieci giorni di trattamento

AVVERTENZE

  • Per via iniettabile: il tiamfenicolo per via iniettabile può provocare transitorie alterazioni ematologiche (soprattutto rallentamento eritropoietico, con reticolocitopenia ed anemia, più raramente leucopenia e trombocitopenia). Tali alterazioni sono reversibili e dipendendono essenzialmente dai dosaggi e dalla lunghezza del trattamento. E' inoltre consigliabile, di regola, non superare i 10 giorni di terapia; ove ciò sia necessario, controllare periodicamente la crasi ematica, interrompendo la terapia se i leucociti diminuiscono al di sotto di 4.000 per mmc e i granulociti del 40%.
  • Per via aerosolica: Il trattamento aerosolico dei soggetti con forme asmatiche deve essere eseguito sotto sorveglianza ed interrotto nel caso di accentuazione del broncospasmo, per essere eventualmente ripreso previa somministrazione di un broncodilatatore

EFFETTI COLLATERALI

I principali effetti indesiderati riportati in seguito alla somministrazione sistemica del tiamfenicolo includono depressione midollare con modica anemia, trombocitopenia e leucopenia. Si tratta di manifestazioni in rapporto alla dose e reversibili con la sospensione del trattamento.

In seguito alla nebulizzazione sono stati riportati i seguenti effetti indesiderati: Ipersensibilità, Edema della laringe, broncospasmo (prevalentemente in pazienti asmatici), rinorrea, stomatite, nausea ed eruzione cutanea

LINK CORRELATI